Campionato: Divisione Regionale 1

River basket Orzinuovi – CM BASKET 84

Chiude il girone d’andata in trasferta il CM, ospite del River Basket di Orzinuovi , padroni di casa del Palabertocchi, struttura abituata ad ospitare i massimi livelli della pallacanestro Italiana. L’infermeria del CM non conosce riposo e coach Alessandrini non fa in tempo a rallegrarsi del rientro di Marini, il cui impiego dovrà però essere graduale per non correre il rischio di una nuova ricaduta per il problema muscolare che lo ha tormentato in stagione, che il play Calloni deve dare forfait per alcune settimane a causa di un malanno articolare. A queste assenze si aggiunge quella di Vicidomini per motivi personali riducendo a 9 la pattuglia di “eroi” che avranno il compito di tenere testa alla capolista del girone.

Se i padroni di casa pensavano di trovarsi davanti ad una formazione dimessa nello spirito oltre che nei numeri, la partenza di Monetti e Dotto li obbliga immediatamente a calarsi nel clima agonistico. Dopo 2 minuti le due squadre viaggiano appaiate (8-8) ed è il rientrante Marini a dare la prima scossa con 2 triple consecutive obbligando Orzinuovi al primo TO riparatore. La reazione locale è immediata. É Tessitore, giocatore con stagioni anche in serie B nel suo palmares, a realizzare due triple per impattare a quota 14. I padroni di casa ,al contrario dei gialloblu, sembrano infallibili al tiro. Salzillo trova sprazzi di classe provando a tenere a contatto i suoi(23-16). Dotto ingaggia autentici duelli all’ombra di entrambi i canestri uscendone spesso vincitore, ma i padroni di casa hanno troppe armi nel loro arsenale e al 10 minuto sono 9 i punti di vantaggio interno.

Le strette rotazioni su cui può fare affidamento coach Alessandrini creano i presupposti per il parziale di 13 a 3(44-25) con cui Orzinuovi da lo strappo all’incontro al 15° minuto. Le triple di Marini, ormai pienamente recuperato si spera, e Dotto motivato dal confronto con avversari di categoria superiore ,riescono a ridurre lo scarto all’intervallo sebbene senza riuscire ad andare sotto la doppia cifra 52-40.

Dopo un primo tempo dove gli attacchi sono riusciti a prevalere sulle rispettive difese, la ripresa si apre facendo aspettare quasi 3 minuti al pubblico presente prima di veder muovere il tabellone(splendido come il palazzetto) grazie al canestro in contropiede di Brambilla. I padroni di casa tengono a distanza i tentativi di rimonta delle Api di Cassina con relativa facilità. Ad ogni allungo locale sono però bravi i gialloblu a rispondere trovando con Monzani il lay up per il 62-52 a pochi secondi dalla sirena di fine terza frazione a cui è Brunelli a rispondere per lasciare invariato il distacco accumulato a metà gara(64-52).

Ad inizio di ultima frazione il parziale interno di 9-0 chiude di fatto la contesa dilatando il vantaggio interno ad un + 21 di difficile recupero (73-52).Coach Alessandrini ,preso atto del recupero di Marini e non volendolo rischiare per il proseguo della stagione, accetta di fatto il verdetto e richiamandolo in panca lascia disco verde agli avversari che ,seppur anche loro a rotazioni piene, allungano progressivamente fino al +31 a 120 secondi dal termine. Sono i giovani Loglisci (8 punti complessivi per lui da raccontare un domani ai nipoti) Agnesi ,autentico mastino difensivo ,e il canestro finale di Cicala a mettere insieme il parziale di 0-7 che chiude l’incontro.

Sconfitta che non pregiudica niente per le ambizioni del CM che, avendo già conquistato in sede di qualificazione il diritto a spareggiare con le formazioni degli altri gironi per una ipotetica salvezza, dovrà in queste settimane cercare di recuperare gli infortunati e prepararsi al meglio per i play out

-

Trenzano Basket – CM BASKET 84

Trasferta a ranghi ridotti per il CM in terra Bresciana. Dopo le prime due gare casalinghe, concluse con una vittoria ed una sconfitta, per i ragazzi di Cassina è tempo di percorrere l’autostrada A4 e raggiungere il bel palazzetto di Trenzano(BS) per affrontare la squadra locale ancora a quota zero alla voce vittorie. Coach Alessandrini deve rinunciare per l’ennesima volta a parecchi elementi di rotazione.

Che la gara si rivelerà complessa per i gialloblu lo si capisce dalla prima tripla dei padroni di casa che aprono la serata al tiro con la realizzazione del centro Perazzi. Palle perse banalmente, cattive percentuali al tiro e la difesa perlomeno porosa, costano al CM il primo allungo locale(11-2).Il timido tentativo di rimonta viene stroncato sul nascere dalla tripla di Farella che regala il vantaggio in doppia cifra ai suoi(19-8) a fine primo quarto.

La fiammata del CM in apertura di seconda frazione regala 6 punti consecutivi(19-14). Cassina prova ad alternare le varie difese venendo però punito dai troppi secondi possessi ottenuti dalla squadra di casa grazie ad uno strapotere fisico sotto canestro. Coach Alessandrini ruota tutti gli elementi a disposizione già nei primi minuti della seconda frazione. La cattiva serata al tiro pesante (2/20 il dato finale) impedisce al CM di accorciare le distanze e dal 24-18 del 13°, vede dilatarsi il distacco fino al 46-30 dell’intervallo con il solo Salzillo a realizzare gli ultimi 10 punti della frazione.

Trenzano ,in apertura di terzo quarto, allunga in apertura, toccando il massimo vantaggio(50-31). La prima tripla del CM arriva da Vicidomini che apre un parziale di 11-21 a firma Dotto/Salzillo che riporta sotto i 10 punti il distacco dei gialloblu(61-52)al 27°.Le scarse rotazioni, il campo particolarmente grande rispetto al fortino casalingo di via Radioamatori e la temperatura da primavera inoltrata, esigono un prezzo in termini di fatica. Il CM ,dopo aver avuto le occasioni per rientrare ulteriormente, fallisce alcune facili conclusioni da sotto permettendo agli avversari di riprendere facilmente inerzia e vantaggio rassicurante in vista dell’ultima frazione(68-54).

Ultimo quarto che si apre con i Cassinesi che provano a riaprire la partita con Dotto e Monetti. Trenzano, squadra esperta e fisica, controlla però agevolmente e allunga (80-62al 35°) chiudendo a braccia alzate al 40°(85-69).

-

CM BASKET 84 – Virtus Desenzano

Seconda partita consecutiva casalinga per il CM che , dopo la bella e sofferta vittoria contro Verolanuova, trova sul suo cammino la Virtus Desenzano, appaiata in classifica a quota 6 punti con i gialloblu di Cassina.

Primo quarto caratterizzato da attacchi arrugginiti con il CM che trova il primo significativo vantaggio sul 12-5,al 5°,grazie ad un Dotto dominante sotto canestro. Desenzano trova solo nel finale di quarto la tripla che gli permette di limitare il passivo alla prima sirena(16-10).

Salzillo apre i giochi nel secondo quarto realizzando la tripla del + 9. Due triple consecutive ospiti chiudono un parziale di 0-10 che regala il primo vantaggio esterno(19-20). Dotto riporta avanti il CM con un jump dalla media distanza ma la dea bendata ,che aveva teleguidato la tripla di Marini regalando la vittoria sulla sirena al CM nella partita precedente, si ripresenta ,questa volta per chiedere un pesante contributo. É in fase di recupero che la guardia gialloblu si infortuna nuovamente al polpaccio che in stagione lo aveva già fermato per più settimane.Desenzano approfitta del momento di sbandamento locale per raggiungere il + 8(21-29). Il CM ,serrando le file in difesa recupera prontamente. Al 17° è ancora parità a quota 29.Equilibrio che le due squadre portano fino agli ultimi secondi della frazione prima che 2 liberi di Monetti e la tripla allo scadere di Calloni lascino il Cm avanti di 6 lunghezze.

Alle assenze di lungo corso di Pellecchia e Cè, a cui si aggiunge quella di Carmignani infortunatosi in allenamento , si aggiunge quella di Marini che prova nel secondo tempo a rientrare dovendosi però arrendere dopo pochi minuti senza essere più in grado di dare il suo prezioso contributo nel proseguo della gara. Dotto e Salzillo realizzano i punti per mantenere avanti il CM (44-41 al 23°). Gli ospiti trovano con continuità il canestro da lontano e operano il sorpasso sul 44-46 a 150 secondi dal termine della terza frazione. Vicidomini realizza la tripla per impattare a quota 49 a 60 secondi dalla fine. 4 punti consecutivi di Desenzano vengono annullati quasi completamente da Salzillo che riporta il CM ad un solo punto di distanza alla penultima sirena.

Le strette rotazioni con cui coach Alessandrini ha dovuto gestire la gara chiedono l’ovvio tributo nella quarta frazione. Desenzano trova con Amadini due triple per allungare in apertura di quarto, a cui il CM non riesce a rispondere. A 5 minuti dal termine gli ospiti conducono di 14 lunghezze(58-72) lasciando presagire una sconfitta dai toni fin troppo severi per i padroni di casa.La pressione difensiva ,ordinata dalla panchina gialloblu ,frutta un incredibile parziale di 11-0(69-72).Desenzano trova la tripla di Tassi per allontanare lo spettro della clamorosa rimonta(69-75). Vicidomini realizza a 40 secondi dal termine la tripla del 74-78. I seguenti tentativi di recuperare la palla mandando in lunetta gli ospiti non fruttano l’esito sperato regalando a Desenzano il primo successo della seconda fase e al CM una sconfitta con qualche rimpianto.

-

CM BASKET 84 – Basket Verolanuova

Prima giornata del raggruppamento play-in silver. Ospiti del CM i ragazzi di Verolanuova, formazione della provincia Bresciana, classificatasi al 6° posto nella divisione F e attualmente sovrastante i ragazzi di Cassina di due punti nella neonata classifica congiunta. Già nella fase di riscaldamento le qualità fisiche e tecniche degli ospiti sono evidenti. Verola, squadra che lo scorso anno militava in serie C, schiera parecchi giocatori che nelle stagioni passate calcavano parquet più nobili di quello di via Radioamatori, ma le Bees di Cassina sono intenzionate a dar continuità al buon momento che stanno attraversando (trasferta inutile di Segrate esclusa).

Coach Alessandrini può contare sul roster al completo ad esclusione di Cè ancora fermo per un problema muscolare. Torna disponibile ,dopo la mal digerita giornata di squalifica, anche Marini, nel cui sguardo determinato l’intero quintetto locale trova la scintilla per accendere la fiamma che dà inizio alla gara(7-0) dopo 90 secondi. L’applicazione difensiva del CM è feroce. Verola fatica a trovare tiri facili mentre tra le file dei gialloblu locali Marini divide con il “gemello “ Salzillo” il fatturato offensivo(10-6 al 5°).Al 8° minuto è parità a quota 12 .La tripla di Marini da 9 metri e il successivo canestro ospite chiudono un quarto dove le difese hanno avuto un ruolo da protagonista(15-14).

Inizio seconda frazione sulla falsariga del primo. É ancora il CM a scattare e con Monetti da sotto e un indiavolato Salzillo raggiunge il massimo vantaggio((21-14).Due triple consecutive di Cucchi, probabilmente tra i migliori giocatori ospitati quest’anno a Cassina, riportano a contatto gli ospiti che vedono però il CM riallontanarsi grazie a 4 punti consecutivi di Dotto ,stimolato dal nobile confronto.Gli ospiti trovano il primo vantaggio dell’incontro al 16°(27-28) riuscendo ad allungare sul finale di quarto sul + 6 (31-37) grazie a due triple di Pedretti. Il CM barcolla, in pochi minuti gli ospiti sono riusciti a ribaltare risultato ed inerzia dell’incontro preparandosi ad andare negli spogliatoi con un vantaggio importante. Marini ha però ancora qualcosa da tirare fuori dal cilindro e con una tripla da distanza siderale gela gli entusiasmi di Verola lasciando un solo possesso pieno tra le due squadre.

Negli spogliatoi la soddisfazione di una buona prestazione fin qui realizzata contrasta con un risultato che ci vede ,seppur di un solo possesso, soccombere. Testa alla ripresa dunque, con la convinzione di poter ancora dire la nostra.

Sono gli ospiti, nel secondo tempo ,a partire meglio riuscendo a piazzare un mini allungo (38-45).Salzillo guida al meglio l’attacco CM chiudendo un parziale di 7-0 che riporta in parità le squadre.Due triple consecutive di Brambilla permettono alle Api di tenere un piccolo vantaggio al 18°(51-48). Carmignani si iscrive con successo alla fiera del tiro pesante tenendo a distanza il tentativo ospite di aggancio. Verola trova 7 punti consecutivi da capitan Bertuzzi mostrando la qualità del proprio roster e ci vuole l’ennesima tripla di un chirurgico Marini per mettere 6 punti di distacco a favore del CM alla penultima sirena(59-53).

Ultimo quarto per cuori forti. Verola aggredisce da subito ricucendo con Bertuzzi e Mombelli il distacco(62-60). Salzillo è ovunque, le sue penetrazioni sono impossibili da contenere e quando gli avversari devono ricorrere alle maniere forti la precisione ai liberi è quasi infallibile. Brambilla segna in penetrazione il canestro del +6(68-62), ma la spia dell’energia della squadra comincia ad accendersi pericolosamente. La difesa dei Bresciani ,stufa di subire le penetrazioni di Salzillo, modifica la difesa su di lui che decide di mostrare l’altra specialità della casa: il tiro da tre punti! Due triple consecutive portano sul + 4 i gialloblu(74-70).

Gli ospiti rispondono impattando a 100 secondi dalla fine grazie a due tiri liberi di Silva Veloso. Il successivo attacco CM non va a buon fine e sul rovesciamento di fronte un fallo in attacco degli ospiti viene, dopo un conciliabolo tra i due arbitri, tramutato in fallo della difesa regalando la possibilità del sorpasso agli ospiti. Possibilità che Cucchi sfrutta a metà realizzando un solo libero. É ancora Salzillo in penetrazione a guadagnarsi il diritto di effettuare il controsorpasso. Ma il primo errore della sua serata limita il top scorer di giornata(30 punti,7 rimbalzi,4 assist e 11 falli subiti, per un incredibile 42 di valutazione) a impattare solamente a quota 77. Sull’attacco avversario la guardia Casertana ruba un pallone e vola verso il canestro avversario obbligando la difesa avversaria ad un fallo al limite dell’antisportivo. Fallo che regala la dodicesima realizzazione su tredici tentativi ad un glaciale Salzillo per il + 2(79-77) a 40 secondi dalla fine. Verola si affida alle mani calde di Cucchi che con un jump dalla media distanza impatta a quota 79 a 27 secondi dal termine. Cassina non può avere la certezza di poter gestire il cronometro fino al termine e, a 5 secondi dallo scadere ,Marini penetra non trovando ne il canestro ne il fallo che lo avrebbe mandato in lunetta per il vantaggio. Sul rapido contropiede ospite la difesa dei gialloblu si fa trovare scoperta e a Brambilla non rimane che il fallo per impedire i due punti facili a Cucchi ad 1,3 secondi dal termine. Il centro avversario realizza il primo dando ai suoi il vantaggio ma sbaglia appositamente il secondo libero per impedire il time out avversario. Il tiro libero del giocatore di Verola, tirato appositamente per sbagliare, non tocca nemmeno il canestro regalando alle Api la possibilità di organizzare un ultimo attacco, seppur in un tempo infinitamente breve. 39 minuti, 58 secondi,7 decimi non sono bastati al CM per avere la meglio sui forti avversari. Adesso nel secondo e tre decimi rimasto coach Alessandrini dovrà inventare qualcosa per regalarsi e regalare a tutto il pubblico presente ,che segue in religioso silenzio il time out finale, una vittoria di assoluto prestigio. Ma anche la migliore delle idee ha bisogno di interpreti eccellenti. Lo è Salzillo incaricato di effettuare la rimessa, lo sono Brambilla ,Dotto e Cicala bravi ad attirare l’interesse della difesa avversaria ma lo è soprattutto Marini che ,liberatosi grazie ai blocchi dei compagni, riceve, si gira e spara la tripla che sovrappone la sirena finale allo “splash” della retina per l’82-80 definitivo. L’urlo liberatorio di tutte le componenti CM e la corsa ad abbracciare la panchina da parte dei protagonisti in campo, testimoniano come un gruppo coeso possa ambire a traguardi insperati alla vigilia testimoniando la genesi di questa stagione.

-

Gamma Segrate – CM BASKET 84

Prosegue con il piede sbagliato la neonata DR1, campionato voluto dalla federazione per sostituire la tradizionale serie D degli scorsi anni. La formula perlomeno bizzarra, ha raggiunto il suo apice nell’ultima giornata del torneo disputatasi ieri sera derubricando a semplice amichevole il sentito derby delle api tra Segrate e Cassina.

Le due formazioni, entrambe già sicure del piazzamento ottenuto per la seconda fase (Cassina lotterà per risalire la classifica nel raggruppamento Silver, Segrate dovrà tenersi alle spalle almeno due formazioni, nel girone bronze, per evitare la retrocessione diretta) hanno comunque sfruttato l’occasione per preparare al meglio gli impegni futuri.

Il CM, per l’occasione guidato in panchina da coach Zavaglia, si presenta alla palla a due con alcune assenze più o meno volute. Al lungo degente Pellecchia (prossimo alla ripresa in palestra), lo staff deve fare a meno dello squalificato Marini e dell’ala Cè, in tribuna nel tentativo di recuperare malanni pregressi. Anche Segrate segna tra le sue linee alcune assenze, tra tutte quella di Sacchetti.

In campo la differenza tra due squadre senza stimoli di classifica la fanno sicuramente le motivazioni. Segrate, delusa dal cammino fatto in campionato e desiderosa di chiudere in maniera positiva davanti al proprio pubblico ha approcciato meglio di Cassina, al contrario soddisfatta dell’ottimo piazzamento frutto tra l’altro della striscia di 4 vittorie consecutive di cui 3 contro avversari che la precedevano in classifica. La partita che ne è scaturita ha visto la partenza lanciata dei padroni di casa del Gamma Basket. Magnaghi, dalla lunga distanza, punisce la difesa porosa del CM portando già al 5° minuto 10 punti di distanza tra le due squadre (17-7). Il CM, che lancia Agnesi in quintetto al posto dello squalificato Marini, prova a rimanere a contatto unicamente o quasi con Monetti. I timidi tentativi di rientrare in partita da parte degli ospiti sono respinti dalla precisione al tiro dei locali e dalla sapiente regia di Ravanini, esperto playmaker giallorosso. Al termine della prima frazione sono già 5 le triple subite dal CM contro nessuna andata a bersaglio per gli ospiti, spiegando di fatto il distacco ottenuto (27-18).

Nel secondo quarto, nonostante la verve balistica dei locali non produca più la pioggia di triple della prima frazione, le numerose palle perse del CM permettono alla Gamma di allungare ulteriormente toccando l’abissale distacco di -18 (38-20). Coach Zavaglia ruota tutti gli elementi a disposizione trovando nel dinamismo di Loglisci e nella precisione al tiro di Carmignani, le armi per riportarsi a -8 al 17°(42-34). Due palle perse banalmente condannano il CM a rientrare negli spogliatoi, alla sirena di metà gara, sotto l’abbondante doppia cifra (47-36).

Nel secondo tempo i tentativi di rimonta dei gialloblu si dimostrano insufficienti per sperare di ribaltare l’inerzia della gara. Salzillo tiene a contatto i suoi fino senza però riuscire a riportarli oltre il – 11 del 26°(61-50). I padroni di casa giocano in fiducia volendo altresì dimostrare di valere ben più dell’ultimo posto in classifica e toccano il massimo vantaggio a pochi secondi dalla terza sirena (71-52).

Ultima frazione di una partita decisa, in una classifica altrettanto certa, di un raggruppamento anche lui già blindato. Per molti 10 minuti da dimenticare in fretta e altrettanto in fretta da far passare. Ma non per il CM e per i suoi ragazzi. Per la prima volta in stagione e a memoria nella sua quarantennale storia, sul campo di una serie nobile come l’attuale DR1, la società del presidente Molinaro schiera 5 giovani prodotti locali (Calloni, Carmignani, Loglisci, Monzani, Agnesi a cui si aggiunge Vicidomini come primo ed unico cambio). L’entusiasmo con cui i ragazzi in gialloblu aggrediscono gli ultimi minuti dell’incontro riaccende i sostenitori giunti da Cassina spingendo la squadra a riavvicinarsi nel risultato grazie ai canestri di Calloni e Vicidomini.

L’87a 74 finale premia la squadra che più ha voluto strappare il referto rosa ma mostra i progressi ottenuti dai giovani atleti Cassinesi pronti tra due settimane a dare battaglia nella seconda fase per confermare la categoria ed il proprio valore.

-

CM BASKET 84 – ASA Cinisello

Serata di gala in occasione dell’ultimo appuntamento casalingo del CM in via Radioamatori. Ospiti delle api Cassinesi sono infatti i capoclassifica dell’ASA Cinisello ,autentica corazzata capace nella gara d’andata di imporsi nettamente sui gialloblu infliggendogli 96 punti, record negativo per punti subiti.

Gli ospiti sono alla ricerca della vittoria che gli conferirebbe matematicamente il primato del girone. Primato platonico visto l’ormai raggiunto raggruppamento gold. I ragazzi di coach Alessandrini sgomitano invece per insidiarsi all’interno del quartetto che farà parte del lotto denominato silver ed evitare in questo modo il rischio della retrocessione diretta in DR2 del prossimo anno.

Le tre vittorie consecutive con cui il CM si presenta alla palla a due hanno ,oltre ad aver consolidato la classifica, rafforzato lo spirito della squadra che ,come nelle occasioni precedenti, scatta in maniera imperiosa sin dalla palla a due. La tripla di Marini apre il parziale di 9-0 con cui i gialloblu tramortiscono i più quotati avversari obbligandoli al primo time out riparatore. La difesa del CM si conferma asfissiante anche per i primi della classe e sono necessari quasi 5 minuti per assistere al primo canestro dal campo per ASA(14-4).

Quella che ad inizio gara poteva esser rappresentata come la classica sfida Davide Vs Golia prende al 5 minuto una piega assolutamente inaspettata. A seguito di un fallo subito e non sanzionato , Marini vero leader emotivo della squadra, viene espulso direttamente dall’arbitro per una reazione scomposta nei confronti dell’avversario. Per rimanere in tema storico, al pastorello Davide viene a mancare anche la leggendaria fionda con cui abbatté il gigante. Minimo sbandamento per i gialloblu che devono a questo punto fare a meno del loro miglior marcatore. Cinisello trova con Vigilante la tripla per accorciare(17-11).Carmignani dall’angolo riporta ad 8 i punti di vantaggio prima che ASA chiuda sul – 5 la prima frazione.

L’assenza per il rimanente periodo di tempo di Marini, unita al forfait di Vicidomini ,ancora non al meglio dopo l’infortunio, obbliga coach Alessandrini a rotazioni modificate. Nel secondo quarto ci si aspetta la reazione di Cinisello . É invece la coppia Dotto/Salzillo a menare le danze, realizzando tutti i punti della frazione e riuscendo ad allungare nuovamente toccando il +10 del 17° minuto(28-18). Cinisello, uno dei migliori attacchi del campionato ,fatica a trovare spazi e buoni tiri chiudendo la prima frazione sul -5(32-27), ben al di sotto delle sue medie stagionali.

La tripla di Lucano con cui si apre il secondo tempo riapre completamente la gara. Cinisello adesso si affida alla difesa a zona ,per provare ad arginare un dominante Dotto (cannoniere di giornata con 22 punti a cui aggiunge 15 rimbalzi e 2 stoppante per un eccellente + 38 di valutazione). Il tempo di trovare le contromisure e la partita torna in equilibrio (34-33 al 23°). Il grimaldello per scassinare la difesa ospite ha le sembianze di Carmignani che realizza 2 triple consecutive. ASA trova con continuità il canestro da lontano(5 le triple ospiti nel solo terzo quarto) impattando a quota 44 a 150 secondi dalla penultima sirena. Reazione veemente del CM che trova con Dotto dalla linea del tiro libero e con la terza tripla di Carmignani il parziale per riallungare(52-44).

Ultima frazione tutta da vivere. Coach Alessandrini perde per l’ultima frazione anche Cè costretto ad alzare bandiera bianca per un risentimento muscolare . La difesa a Zona che il CM mette in campo scombussola i piani d’attacco di Cinisello. Calloni, per i gialloblu, smette per un momento i panni del regista per mettersi in proprio. Brambilla realizza la tripla del +8, Monetti porta il suo preziosissimo contributo alla causa segnando il suo completo fatturato nell’ultima frazione compreso un gioco da tre punti di autentica potenza per il 65-52. Asa sente la partita sfuggirgli dalle mani. Le due triple finali degli ospiti hanno solamente il merito di ridurre sotto la doppia cifra il distacco finale(68-60).Grande soddisfazione a fine gara sugli spalti e negli spogliatoi del CM.

Il raggiungimento del raggruppamento silver con una giornata d’anticipo premia la società del presidente Molinaro che festeggia quest’anno il 40esimo anno dalla fondazione. Festeggiamenti che nella serata di ieri hanno avuto inizio con la pubblicazione dell’album di figurine di tutti gli atleti, staff e dirigenza della storica società di Cassina de Pecchi. Coach Alessandrini e il suo staff(ieri assente coach Zavaglia sostituito da coach Carella come primo assistente) possono adesso preparare al meglio la seconda fase del campionato che li vedrà impegnati contro le pari classifica del girone EST F per determinare la miglior posizione possibile in vista dei playoff.

-